COMPOSIZIONE DELLA FATTURA: PARTE DESCRITTIVA E TABELLARE

COMPOSIZIONE DELLA FATTURA: PARTE DESCRITTIVA E TABELLARE
16 Aug
2017

La fattura è composta nella sua forma da due parti, una descrittiva e un’altra tabellare. Vediamo entrambe nel dettaglio.

La parte descrittiva contiene:
• I dati che indentificano il venditore, quindi il nome e cognome, il nome della ditta, l’indirizzo, la partita IVA.
• I dati indentificativi del compratore, ovvero gli stessi richiesti per il venditore.
• La data di emissione della fattura.
• Il numero progressivo della fattura
• Le condizioni generali di vendita, quindi il tipo di consegna, il tipo di imballaggio, le modalità di pagamento.

 

Sito: TOP-Fattura.it

La parte tabellare invece contiene:
• La quantità e la descrizione delle merci, dei servizi o delle prestazioni vendute.
• I codici degli articoli che sono nella fattura (non sono obbligatori, ma questi elementi identificativi diventano sono spesso utilizzati e diventano molto utili nel caso in cui si utilizzino applicazioni software gestionali per generare i documenti).
• Il prezzo unitario relativo a ciascuno oggetto dell’operazione e l’importo complessivo della compravendita.
• Gli sconti mercantili accordati al compratore.
• Eventuali spese accessorie a carico del compratore, come per esempio un’eventuale assicurazione o il trasporto.
• L’importo della base imponibile su cui calcolare l’IVA.
• L’aliquota IVA.
• L’importo totale della fattura.

Oltre a questi elementi, nella sezione denominata “note” di seguito alla parte tabellare, si riportano le indicazioni necessarie per l’individuazione precisa dell’oggetto fatturato, ovvero la matricola o il numero di serie, il lotto di produzione, i riferimenti al documento di trasporto (DDT) o ad altri documenti equivalenti, i riferimenti a ordini o a contratti, eventuali precisazioni temporali o specifici accordi pattuiti, eventuali allegati obbligatori al prodotto (per esempio un manuale di istruzioni), i riferimenti a certificati o relazioni relative alla merce, e altre annotazioni specifiche.
La sezione “note” è in un certo senso libera, in quanto è possibile riportare tutto ciò che si ritenga utile, sia per il venditore che per il compratore, per favorire la rintracciabilità della merce e il riscontro in sede di pagamento.